1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

Contenuto della pagina

Accordo territoriale per canoni concordati

 

Il contratto di locazione agevolato (o a canone concordato) è regolato dalla legge 431/1998 e successive modifiche ed integrazioni

Gli aspetti generali de lcontratto vengono stabiliti da un Accordo locale tra le principali organizzazioni sindacali rappresentative della proprietà edilizia e leprincipali associazioni sindacali dei conduttori .

Tali accordi fissano i criteri di stipula: tipo di contratto (agevolato, transitorio, per universitari), durata, rinnovo, aggiornamento ISTAT, clausole di rescissione, oneri accessori, uso e consegna, ripartizione spese, modifiche e migliorie, esigenze particolari del locatore/conduttore, varie ed eventuali e l’importo canone prevedendo un valore minimo e massimo in considerazione del territorio, della categoria catastale, dello stato manutentivo dell’immobile, delle eventuale/i pertinenze/i, della presenza di spazi comuni, della dotazioni di servizi tecnici, della presenza di mobilio, ecc.

In base a tutti questi parametri, viene determinato quindi il canone annuo o mensile; che risulta calmierato rispetto a quello di libero mercato, con conseguente vantaggio per l'inquilino e per il proprietario, che potrà usufruire di significative agevolazioni fiscali in termini di IMU (riduzione dell’imposta al 75% - art. 6 del vigente RegolamentoIUC), di IRPEF e di imposta di registro.

Una volta concluso e firmato dalle parti, l’Accordo territoriale viene fatto proprio dall’Amministrazione comunale che ne prende atto e provvede alla pubblicazione e alla pubblicizzazione mettendolo a disposizione di tutti i soggetti che desiderano stipulare questa forma di contratto.

Per il Comune di Castellanza, che rientra nell’elenco dei comuni ad alta tensione abitativa, è disponibile unnuovo accordo Territoriale sottoscritto in data 18.03.2019 dalle organizzazioni Sindacali inquilini e proprietari reso disponibile su questo sito.

ATTENZIONE : nel caso di contratti in cui le parti non richiedono, in fase di stipula, l’assistenza delle rispettive organizzazioni di rappresentanza, l’acquisizione dell’attestazione di rispondenza (come da fac-simile allegato all’accordo) rappresenta elemento necessario per il riconoscimento delle agevolazioni tributarie previste (applicazione dell’aliquota ridotta per la cedolare secca; riduzione ai fini Irpef; agevolazioni per l’applicazione dell’imposta proporzionale di registro; riduzione dell’imposta ai fini IMU ).

L’obbligo di acquisire l’attestazione risponde all’esigenza di dimostrare la sussistenza di tutti gli elementi utili ad accertare, da un lato, i contenuti dell’accordo locale e, dall’altro, i presupposti per accedere alle agevolazioni fiscali.

Con riferimento alla necessità o meno di allegare l’attestazione al contratto insede di registrazione, non è previsto nessun obbligo per le parti; tuttavia,ciò non esclude che le parti possano comunque provvedervi.

Al fine di agevolare l'aggiornamento della banca dati e il calcolo della riduzioneai fini IMU, si invitano i contributenti a trasmettere all’Ente comunicazione come da modello reso disponibile sul sito

Per eventuali ulteriori indicazioni è possibilecontattare direttamente le Organizzazioni firmatarie indicate :

Organizzazioni della proprietà edilizia

Associazione Proprietà Edilizia - Confedilizia
Piazza XX Settembre n. 5 - 21100 Varese
Tel. 0332 281281

Unione Piccoli Proprietari Immobiliari
Via Manzoni n. 3 - 21100 Varese
Tel. 0332 232838


Confabitare - Associazione Proprietari Immobiliari della Provincia di Varese
via E. fermi n. 3 - 21100 Varese
Tel. 0331 770354

Organizzazioni sindacali inquilini

SICET Varese
Via B. Luini n. 8 - 21100 Varese
Tel. 0332 241965

SUNIA Varese
Via N. Bixio - 21100 Varese
Tel. 0332 276237

Altre associazioni

Confederazione Piccola Proprietà Immobiliare - Confappi
via R. di Lauria n. 9 - 20149 Milano
Tel. 02 33105242