1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

Contenuto della pagina

Imposta Unica Comunale (IUC)

  1. Che cos'è
  2. A chi rivolgersi
  3. Cosa occorre
  4. Note
  5. Norme, moduli e documenti

Che cos'è

L'Imposta Unica Comunale (IUC) è il nuovo regime di tassazione introdotto con la Legge 147/2013 (successivamente modificata dal DL 16/2014) con l'obiettivo di semplificare e razionalizzare il pagamento dei tributi comunali.

I presupposti contributivi della IUC sono due: il primo è il possesso di immobili, in relazione alla loro natura e valore, e il secondo è collegato alla fruizione di servizi comunali.

La IUC si compone infatti di tre parti:la Tassa imposta è infatti composta  da tre parti:

  • L'imposta Comunale Propria (IMU), dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali (ad eccezione di quelle classificate nelle categorie A/1, A/8 e A/9);
  • il Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI), dovuta sia dal possessore che dall'utilizzatore dell'immobile;
  • la Tassa sui Rifiuti (TARI), che i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, dovuta dall'utilizzatore.

L'ufficio Tributi ha predisposto delle schede informative nelle quali sono illustrate le istruzioni operative per l'anno in corso e le aliquote vigenti. Per ulteriori dettagli, clicca sulla voce voce corrispondente.





 

A chi rivolgersi per avere informazioni

Settore Economico Finanziario - Ufficio Economato tel. 0331 526.266 / 235 e-mail tributi@comune.castellanza.va.it nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle 11 alle 12.30; mercoledì dalle 15 alle 18.

 

A chi fa capo il procedimento

Tel. 0331 526.233 e-mail amoreni@comune.castellanza.va.it.
Responsabile del procedimento: pa Anna Moreni

 

Cosa occorre

I dettagli di ogni singola procedura sono illustrati nelle schede di ogni tributo, a cui si rimanda (vedi sopra).

La dichiarazione IUC deve essere presentata dal soggetto passivo, cioè da chi deve pagare il tributo, entro il 30 giugno dell'anno successivo in cui vengono a crearsi presupposti impositivi e ha effetto anche per gli anni successivi - non deve perciò essere ripresentata ogni anno a meno che non subentrino cambiamenti sostanziali.

Nel caso in cui il contribuente si trovi in difficoltà nel pagamento della tassa, prima dell'avvio delle procedura di riscossione coattiva è possibile richiedere la rateizzazione del tributo secondo le modalità di cui all'art. 12 del Regolamento Generale delle Entrate  alle condizioni e nei limiti sotto elencati:

  • il richiedente non deve trovarsi in situazione di morosità relative a precedenti rateizzazioni o dilazioni;
  • la durata massima non può superare i sessanta mesi dalla richiesta di rateizzazione. Nel caso di rateizzazioni per periodi superiori ai ventiquattro mesi oppure di importisuperiori ai 50.000 euro, è obbligatorio costituire un deposito tramite fideiussione bancaria o assicurativa di importo pari a qulle da rateizzare oppure costituire una garanzia tramite ipotecavolontaria di primo grado sui beni immobili del contribuente (o di terzi);
  • all'importo del debito sono applicati gli interessi al tasso legale;
  • il benefici odecade in caso di mancato pagamento di due rate.

La domanda, in cui il contribuente deve indicare il motivo per cui si trova nella situazione di insolvenza, deve essere presentata tramite l'apposito modulo (vedi a fondo pagina).

 

Nota bene

  • Il calcolo dell'IMU e la stampa del modello F24 può essere effettuato accedendo al portale www.amministrazionicomunali.net (raggiungibile anche dal banner il home page del sito);
  • L'Amministrazione mette a disposizione dei contribuenti di Castellanza un servizio gratuito di calcolo in collaborazione con i CAF cittadini (CISL - via Roma 26, tel. 0331500.527; CGIL - via V. Veneto 13, tel. 0331 500.527; ACLI - via V. Veneto 4, tel. 0331 502.739). Per usufruire del servizio è necessario fissare un appuntamento.
 

Riferimenti normativi

Moduli e documenti