1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

Contenuto della pagina

Sostegno economico in situazioni di disagio

  1. Che cos'è
  2. A chi rivolgersi
  3. Cosa occorre
  4. Costi
  5. Tempi
  6. Moduli e documenti

Che cos'è

La Legge Regionale 3/2008 prevede un insieme di interventi di carattere sociale coordinati con gli enti locali che perseguono la finalità di "promuovere condizioni di benessere e inclusione sociale". Un degli strumenti che fanno parte della rete di interventi e servizi è il sostegno economico in situazioni di disagio, i cui obiettivi sono di prevenire fenomeni di emarginazione sociale per motivi di reddito e di cronicizzazione di situazioni di difficoltà transitorie.

La misura di sostegno economico ha carattere di occasionalità a cui ricorrere in caso di estrema necessità.

Sono destinatari di questo tipo di intervento i cittadini italiani e comunitari, i cittadini extracomunitari in regola con le disposizioni di soggiorno e coloro che, non rientrando nei casi precedenti, si trovino in uno stato tale da esigere interventi immediati e non differibili o comuqnue non demandabili agli enti (Regioni o Stati) di provenienza.

La legge stabilisce delle priorità di intervento, privilegiando le persone e famiglie che si trovano in uno stato di bisogno determinato da:

  1. non autosufficienza per inabilità o malattia;
  2. inabilità o disabilità;
  3. patologia psichiatrica stabilizzata;
  4. patologie terminali e croniche invalidanti;
  5. infezioni da HIV e patologie correlate;
  6. dipendenze;
  7. condizioni di salute e sociali, nell'ambito della tutela della gravidanza, della maternità, dell'infanzia e della minore età;
  8. condizioni personali e familiari che necessitano di prestazioni psico-terapeutiche e psico-diagnostiche.

L'intervento di sostegno economico si chiede al Servizio Sociale del Comune he lo eroga, secondo il dettato della legge, nei limiti delle proprie disponibilità.

 

A chi rivolgersi per avere informazioni

Settore Politiche Sociali - Segreteria tel. 0331 526.248 e-mail a serv.sociali@comune.castellanza.va.it. Per la definizione dell'intervento è necessario prendere appuntamento con l'assistente sociale di riferimento (cioè area adulti/ anziani e disabili oppure area minori e famiglie) telefonando alla segreteria del settore

 

A chi fa capo il procedimento

 

Area anziani e Disabili:
Tel. 0331 526.253 e-mail m.scazzosi@comune.castellanza.va.it.
Responsabile del procedimento: a.s. sig.ra Mariangela Scazzosi

Area Minori e Politiche Giovanili:

Tel. 0331 526.282 e-mail fmosca@comune.castellanza.va.it
Responsabile del procedimento: a.s. dr.ssa Francesca Mosca

 

Cosa occorre

La definizione dell'intervento, nell'ambito degli standard stabiliti dalla legge regionale e delle disponibilità economiche del Comune, avviene tramite in colloquio con l'assistente sociale che nella valutazione tiene presente dei seguenti parametri di riferimento:

  • situazione economica complessiva della persona che chiede il contributo e dei parenti tenuti per legge al mantenimento;
  • condizioni generali di vita al momento della richiesta, in modo da avere un quadro il più completo possibile dello "stato di bisogno".

Alla domanda, che viene redatta al momento del colloquio sulla base del modello generico di richiesta di prestazioni sociali agevolate (vedi in fondo pagina), deve essere allegata una certificazione ISEE in corso di validità.

 

Quanto costa

Il servizio non ha costi per l'utente.

 

Quanto tempo ci vuole

Il procedimento si conclude entro 30 giorni dalla presentazione della domanda.

 

Moduli e documenti